Fisioterapia: cosa significa riabilitazione con immagine motoria? - Casa di Cura S.Anna - Asti
1938
post-template-default,single,single-post,postid-1938,single-format-standard,bridge-core-3.0.1,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,wpb-js-composer js-comp-ver-6.8.0,vc_responsive
 

Fisioterapia: cosa significa riabilitazione con immagine motoria?

Fisioterapia: cosa significa riabilitazione con immagine motoria?

Studi di neurofisiologia cerebrale hanno permesso di vedere con la Risonanza Magnetica Funzionale (fMRI) e con la Tomografia ad Emissione di Positroni (PET) che se si chiede a una persona di fare un movimento reale (muovere il dito indice verso il basso, ad esempio) e di immaginare di farlo (ma senza muovere il dito realmente), si attivano praticamente le stesse aree del cervello. Non si tratta di una immagine visiva, come ad esempio vedersi allo specchio mentre si compie un determinato movimento, ma rievocare delle sensazioni derivanti da un determinato movimento in modo tale da sentire il movimento con tutti i sensi. 

In riabilitazione, l’uso della tecnica di immagine motoria, come dimostrato da studi su gruppi di volontari, può aiutare il paziente con patologia ortopedica o con alcune patologie neurologiche, ad aumentare la forza muscolare impiegando movimenti non reali, ma immaginati, nella prima fase di riabilitazione. Dal punto di vista riabilitativo, la letteratura scientifica suggerisce che l’immagine motoria sia uno strumento terapeutico anche per quei malati in cui il movimento reale è impossibile o, per un certo periodo, sconsigliabile. 

A chi è utile e come funziona la riabilitazione con immagine motoria?

La possibilità di aumentare, o anche soltanto di mantenere il tono muscolare grazie all’immagine motoria, è utile nei casi in cui il paziente debba mantenere un arto immobilizzato in un gesso o in un tutore per diverso tempo, nei casi di malattia neurologica, esiti di ictus, Parkinson.

Come funziona la riabilitazione con immagine motoria?

Chiudendo gli occhi, guidati da un fisioterapista esperto nella tecnica di riabilitazione con immagine motoria, è possibile ricostruire mentalmente e minuziosamente qualsiasi immagine di movimento di cui la persona abbia fatto esperienza prima di un trauma, di un intervento o di una patologia.

La terapia con immagine motoria prevede che il terapista chieda al paziente di:

  • chiudere gli occhi
  • evocare un’immagine motoria particolare e corretta facendogliela percepire con un determinato movimento del lato sano
  • trasferire le caratteristiche dell’immagine motoria costruita mentalmente anche sul lato malato.

Durante tutta la terapia, il terapista guida il paziente con particolari gesti e con la voce, cercando feedback continui che gli permettano di capire se il paziente è riuscito a costruire efficacemente l’immagine motoria del movimento richiesto.  

 

 

 

BIBLIOGRAFIA TERAPIA IMMAGINE MOTORIA

[1] Perfetti C. (2000), “Immagine motoria, rappresentazione mentale ed esercizio terapeutico”, Riabilitazione Cognitiva, Anno I n°1, pag 13-29. 

[2] Decety J. (1996), “Do imagined and executed actions share the same neural substarte?”, Brain. Res. Cogn. Brain. Res., Vol 3, pag 87-93. 

[3] Reggiani P. (1999), “L’immagine motoria come strumento per l’esercizio terapeutico”, GraphicsArts, Fornacette. 

[4] Jeannerod M. (1994), “The representing brain: Neural correlates of motor intention and imagery”, Behavioral and Brain Sciences, Vol 17, n°2, 187-245. 

[5] Ingvar D. H., Philipson L. (1997), “Distribution of cerebral blood flow in the dominant hemisphere during motor ideation and motor performance”, Ann. Neurol, Vol 2, pag 230-237. 

[6] Roland P. E., Skinhoj E., Lassen N. A., Larsen B. (1980), “Different cortical areas in man in organization of voluntary movements in extrapersonal space”, J Neurophysiol, Vol 43, n° 1, pag 137-150. 

[7] Fox P.T., Pardo J. V., Petersen S. E. & Raichle M. E., (1987), “Supplementary motor and premotor responses to actual and imagined hand movements with positron emission tomography”, Neuroscience, 1433. 

[8] Decety J., Sjoholm H., Ryding E. Stenberg G. & Ingvar D. (1990), “The cerebellum participates in cognitive activity: Tomographic measurements of regional cerebral blood flow”, Brain Research, Vol 535, pag 313-317. 

[9] Decety J., Michel F. (1989), “Comparative analysis of actual and mental movement times in two graphics tasks”, Brain Cogn., Vol 11, pag 87-89. 

[10] Decety J., Jannerod M. (1991), “Vegetative response during imagined is proportional to mental effort”, Behav. Brain. Res., Vol 42, pag 1-5. 

[11] Decety J., Philippon B. & Ingvar D. H. (1988), “rCBF landscapes during motor performance and motor ideation of a graphic gesture”, Eur.Arch. Psychiatry Neurol. Sci., Vol 238, pag 33-38. 

[12] Decety J., Perani D., Jennerod M. (1994), “Mapping motor representations with positron emission tomography”, Nature, Vol 371, pag 600-602. 

[13] Veronese M. A. (2000), “Storia della scienza e comprensione dei problemi riabilitativi: la patologia cerebellare”, Riabilitazione Cognitiva, Anno I n°1, pag 75-77. 

[14] Ryding E., Decety J., Sjoholm H. (1993), “Motor imagery activates the cerebellum regionally. A SPECT rCBF study with 99m Tc-HMPAO”, Cognitive Brain Research, Vol 1, n° 2, pag 94-99. 44 

[15] Luft A. R., Skalej M., Stefanou A. (1998), “Comparing motion and imagery related activation in the human cerebellum: a functional MRI study”, Hum. Brain Mapp., Vol 6, pag 105. 

[16] Kim G., Ugurbil K., Strick P. L. (1994), “Activation of a cerebellar output nucleus during cognitive processing”, Science, Vol 265, pag 949. 

[17] Parsons L. M., Bower J., Gao J. & Xiong I. (1997), “Lateral cerebellar hemisphere actively support sensory acquisition and discrimination rather then motor control,”, Learning and memory, Vol 4, pag 49. 

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.